Contenuto principale

Messaggio di avviso

Il progetto Erasmus entra nel vivo

 

LE NOSTRE SCUOLE PARTNER

Forssa 

 Forssa – Stemma 

FINLANDIA 

 Finlandia – Bandiera

 

 

 

Risultato immagini per forssa

Forssa è una città finlandese di 17.000 abitanti, situata nella regione della Finlandia meridionale del Kanta-Häme

Kanta-Häme – Localizzazione            

 


Forssa dista da Helsinki circa 120 Km 

Forssa nasce nel 1847, quando il produttore Axel Wilhelm Wahren fonda una filanda sul fiume Loimijoki. La filatura divenne presto una fabbrica di tintura di filati, di tessitura e di stampa di tessuti. Il villaggio industriale di Forssa divenne una città industriale significativa e vibrante nel 20 ° secolo, quando le industrie tessili si unirono ad altre industrie come quella edilizia e quella alimentare.

Dagli anni '70, l'importanza dell'industria tessile nella comunità è diminuita. La filanda ha cessato l'attività nel 1981, la tessitura nel 1996. Gli ultimi metri di tessuto sono stati stampati nell'autunno del 2009. 

Il ricordo della produzione tessile è conservato in molti modi nella vita di tutti i giorni. Il centro di tessitura è diventato un centro di affari e benessere. 

La Forssa di oggi è uno degli ambienti culturali a livello nazionale più significativi della Finlandia.

Sito istituzionale: https://www.forssa.fi/

Per ulteriori informazioni: 

https://historia.forssa.fi/

http://www.forssanmuseo.fi/vierailijalle/vierailu-museossa/

 

Il tempo a Forssa a marzo è piovoso
Il clima è piuttosto freddo in questa città questo mese. 

La normale massima stagionale è di 1°C. La minima stagionale è di -4°C.
A marzo a Forssa, i giorni durano in media 11:43. L'alba è alle 07:44 e il tramonto è alle 19:27.

Alcuni cenni sul sistema scolastico finlandese

In Finlandia c'è una scuola unica obbligatoria, che inizia a 7 anni e termina a 16.

Alla fine della scuola dell'obbligo, a 16 anni, lo studente può poi scegliere se frequentare un “liceo” che più che altro è un corso propedeutico di preparazione universitaria o un corso professionale per l‘inserimento nel mondo del lavoro. Questo corso dura tre anni e per accedere all’università gli studenti devono affrontare dei test selettivi. In Finlandia ci sono delle materie “base” e altre invece che possono gestire i presidi, perché la gestione è molto decentralizzata. 

La durata dei corsi: mentre in Italia i corsi sono annuali, e si dividono in trimestri o quadrimestri, con verifiche periodiche, in Finlandia i corsi sono semestrali o quadrimestrali, e alla fine del corso non c'è la bocciatura ma il voto che lo studente si merita. Nel caso debba recuperare qualche materia, c'è un docente di supporto. 

Il docente rimane in classe, mentre sono gli alunni che cambiano aula a seconda delle materie da seguire. Il concetto di classe è superato da tempo e si lavora per gruppi e sottogruppi di apprendimento dove ogni studente può trovare ciò di cui ha più bisogno: un approfondimento, un recupero o lo sviluppo di un particolare talento. Questo sistema favorisce l’inclusione e lo sviluppo delle competenze sociali. 

Ogni scuola offre gratuitamente un pasto equilibrato al giorno e a differenza di molti altri paesi, in Finlandia non esistono scuole private. Tutte le scuole dell’obbligo sono pubbliche. 

In Finlandia, lo status del docente è riconosciuto come molto importante a livello sociale.  Solo i laureati con il massimo dei voti possono accedere alla professione. 

La scuola ospitante

 Logo del Forssa Group Club

Risultato immagini per forssa yhteislyseo

 

Lyseo è la più antica scuola superiore di lingua finlandese. Nel 2011 Lyseo è stato rinnovato ed ora è  una scuola superiore accogliente e moderna!

Il Forssa Community College è una scuola superiore regionale. Il liceo è governato da un consiglio di amministrazione composto da rappresentanti di Humppila, Jokioinen, Tammela e Forssa. Il consiglio è presieduto da Timo Norri di Forss.

Lyseo offre una gamma eccezionalmente ampia di corsi. Ci sono circa 250 diversi corsi disponibili. L'ampia gamma di corsi offre l'opportunità di specializzarsi in quasi tutte le materie e campi di studio. Ci sono molti corsi opzionali in materie pratiche.

Le lingue insegnate nella scuola secondaria superiore sono inglese, svedese, tedesco, francese, spagnolo, russo e italiano. I corsi di matematica, fisica e chimica sono disponibili in gran numero.  Un'educazione artistica versatile e di alta qualità viene fornita attraverso l'espressione, le arti visive e la musica. È possibile completare un diploma di scuola superiore in belle arti e educazione fisica.  Il liceo ha un'accademia sportiva e una linea di belle arti e design.

Lyseo è stato selezionato per la rete di sviluppo delle scuole superiori, ciò ha permesso di aumentare la cooperazione con l'Università di scienze applicate di Häme e altre scuole secondarie.

Gli studenti scelgono i corsi presso Wilma (programma di gestione della scuola), monitorano le loro prestazioni, leggono i bollettini e comunicano con gli insegnanti.

Gli insegnanti inseriscono voti e assenze attraverso Wilma, aggiornano le loro informazioni personali e comunicano con studenti e tutori.

Il liceo ha quattro progetti Erasmus. Il Rettore è Simo Veistola

 

Ulteriori informazioni:  

https://forssanyhteislyseo.fi/   

 

Indirizzo: Lyseokatu 2, 30100 Forssa

 


 

 


FINLANDIA

Finlandia – BandieraKotka – Stemma

   Kotka (Il nome in finlandese significa aquila) http://www.kotka.fi/instancedata/prime_product_julkaisu/kotka/embeds/kotkawwwstructure/03f715baa5f29405fbc7a1e85155a59b92db81a7.jpg

Kotka è una città di 54.837 abitanti, della Finlandia meridionale, ed è situata nella regione del Kymenlaakso, regione divisa in due distretti: Kouvola e Hamina.


Risultato immagini per kotka  mappa
 

Kotka si trova nel distretto di Kokta - Hamina.                                                                                                                                                                      

L'area di Kotka-Hamina - Pyhtää, Virolahti e Miehikkälä – si trova a solo un'ora a est di Helsinki, sulle rive del Golfo di Finlandia.

Questo distretto dispone di un sito istituzionale (consultabile anche in italiano) ricco di spunti e idee per il visitatore. 

Sito istituzionale del distretto: https://www.visitkotkahamina.fi/ 

Kotka dista da Helsinki 136 Km e da San Pietroburgo 279 Km. E’ una città marittima, nata dalla confluenza del Kymijoki e del mare. Risultato immagini per kotka  mappa

A Kotka ci son due centri: Kotka Island  e Karhula. Il centro di Kotka si trova sull’isola, il cuore della città è Kotkansaari, che ha un centro commerciale, grandi magazzini, negozi e ristoranti. Karhula, situato lungo la E18, è invece caratterizzato da piccoli negozi specializzati, un mercato vivace e luoghi di lavoro. 

 

                                                  Sito istituzionale della città di Kotka:   https://www.kotka.fi/

 

Alcuni cenni sul sistema scolastico finlandese

In Finlandia c'è una scuola unica obbligatoria, che inizia a 7 anni e termina a 16.

Alla fine della scuola dell'obbligo, a 16 anni, lo studente può poi scegliere se frequentare un “liceo” che più che altro è un corso propedeutico di preparazione universitaria o un corso professionale per l‘inserimento nel mondo del lavoro. Questo corso dura tre anni e per accedere all’università gli studenti devono affrontare dei test selettivi. In Finlandia ci sono delle materie “base” e altre invece che possono gestire i presidi, perché la gestione è molto decentralizzata. 

La durata dei corsi: mentre in Italia i corsi sono annuali, e si dividono in trimestri o quadrimestri, con verifiche periodiche. In Finlandia i corsi sono semestrali o quadrimestrali, e alla fine del corso non c'è la bocciatura ma il voto che lo studente si merita. Nel caso debba recuperare qualche materia, c'è un docente di supporto. 

Il docente rimane in classe, mentre sono gli alunni che cambiano aula a seconda delle materie da seguire. Il concetto di classe è superato da tempo e si lavora per gruppi e sottogruppi di apprendimento dove ogni studente può trovare ciò di cui ha più bisogno: un approfondimento, un recupero o lo sviluppo di un particolare talento. Questo sistema favorisce l’inclusione e lo sviluppo delle competenze sociali. 

Ogni scuola offre gratuitamente un pasto equilibrato al giorno e a differenza di molti altri paesi, in Finlandia non esistono scuole private. Tutte le scuole dell’obbligo sono pubbliche. 

In Finlandia, lo status del docente è riconosciuto come molto importante a livello sociale.  Solo i laureati con il massimo dei voti possono accedere alla professione. 

 

La scuola ospitante

A Kotka ci sono 15 scuole primarie, 4 scuole secondarie superiori e 1 scuola integrata. 

La scuola che andremo a visitare è una scuola superiore: Kotka Lyceum

SITO WEB: https://peda.net/kotka/lukiokoulutus/kotkan-lyseon-lukio

https://peda.net/kotka/lukiokoulutus/kotkan-lyseon-lukio/y:file/download/f51f605987a4495241403e76cd3c49f7a48f5aa1/Yl%C3%A4palkkiPedanet3.png

 

Il Liceo Kotka è una scuola versatile e completa. Le aree di interesse sono il liceo ambientale, le belle arti e l'educazione degli atleti

Indirizzo: Kirkkokatu 15, FIN-48100 Kotka, Finlandia

Telefono - Ufficio +358 406352738

e-mail: kotkanlyseon.lukio@kotka.fi

 

Pagina Facebook della scuola: https://business.facebook.com/Kotkanlyseo/?business_id=639613549583336

 

Pagina istagram della scuola: 

https://www.instagram.com/kotkanlyseo/

 

English language course

Despite being different levels of English, the group blended together wonderfully and the desire to learn overcame  any problems there may have been to create an enjoyable feeling of positivity

 
 

 

PRIME MOBILITA’

Job shadowing – numero 18

PERIODO

LOCALITÀ

ATTIVITÀ

NUMERO MOBILITA’

PERSONE INTERESSATE

01 marzo- 07 marzo

FINLANDIA 

KOTKA

Osservazione lezioni e struttura scolastica 6 Ledda A. - Ibba R.- G.Marras, Magarò S. - Fraternali A.- Ena V. 

15 marzo-21 marzo

FORSSA (FINLANDIA)

Osservazione lezioni e struttura scolastica

6

Betzu, Carta, Pintus, M.A.Carrus - Ibba A.- Garau R.

22 marzo-28 marzo

ESBJERG

DANIMARCA

Osservazione lezioni e struttura scolastica

6

Pili F., Loi GF, Galizia S,Basciu S, Pivetta, Proietto

 

 


Erasmus Day 

Il progetto Rimodellare gli spazi scolastici. Una sfida per l'apprendimento (SPANT)”, ideato dagli istituti consorziati G.M. Angioy, E.Loi e Don Milani di Carbonia, nasce dalla necessità di rispondere ad alcune problematiche pressanti nelle nostre scuole come l’abbandono scolastico e la scarsa motivazione allo studio che impedisce di terminare gli studi in maniera regolare

Il lavoro, che avrà una durata biennale, si pone l’obiettivo più generale e impellente di contrastare le manifestazioni di disagio e  indifferenza verso gli apprendimenti scolastici, che danno vita ad una sfiducia generalizzata nei confronti della scuola.

Per questo motivo abbiamo pensato di “ispirarci” alle realtà del Nord Europa che le classifiche OCSE- PISA - (acronimo di Programme for International Student Assessment - indagine internazionale promossa dall'OCSE che coinvolge più di 80 paesi) pongono ai vertici per rendimento scolastico. 

Andando a visitare le scuole dove il ripensamento degli ambienti è già una realtà in atto e partecipando ai seminari e corsi di Future Classroom Lab, si avrà per la prima volta l'opportunità di pensare seriamente al rapporto tra progettazione di spazi di apprendimento flessibili e modalità di applicazione degli approcci didattici innovativi che prevedono l'utilizzo di tecnologie. Le esperienze in tal senso saranno diverse nel tempo e nelle scuole e ci permetteranno di adattare, al nostro contesto e alle nostre realtà, gli aspetti positivi che rileveremo.

Tra le scuole che visiteremo, un occhio di riguardo sarà destinato alle istituzioni finlandesi, in particolare quelle che hanno attuato il progetto INNOSchool, per cercare di carpirne gli elementi innovativi e trasportarli, con i dovuti adattamenti, nelle nostre realtà affinchè diano nuova linfa vitale alla nostre scuole.

Il nostro obiettivo è di migliorare il livello di conoscenza e partecipazione degli allievi, ma soprattutto quello di rendere la scuola un ambiente in cui gli alunni possano sentirsi a loro agio e possano essere liberi di mettere a frutto tutte le loro capacità.  Alla luce di tali realtà si ritiene che la creazione di ambienti di apprendimento stimolanti e motivanti, capaci di porre al centro gli studenti, possa essere la strada per il cambiamento. 

Si vuole quindi ridisegnare una scuola a misura di ragazzo e adulto del XXI° secolo: che fornisca spazi di apprendimento flessibili facilmente riconfigurabili in base alle necessità delle varie attività. Spazi che possano supportare e promuovere metodologie innovative e che siano luoghi sia per le attività didattiche che coinvolgono gli studenti che per lo sviluppo professionale degli insegnanti, inclusi seminari e dibattiti sulla scuola. 

Alcuni immaginano che l'Erasmus rappresenti per i docenti solo la possibilità di un viaggio stimolante da cui trarre nuove idee da mettere in pratica nelle nostre scuole, ma l’impegno che l’Unione europea ci richiede è molto di più. Prevede lo studio e il monitoraggio della realtà scolastica del paese ospitante per dare un respiro europeo alla scuola italiana e ventilare, ai ragazzi e a noi adulti, le immense opportunità che nascono dalla conoscenza di realtà differenti dalla nostra. 

La formazione dello staff è finalizzata ad accrescere il livello professionale degli insegnanti rendendoli pronti ad innovare il processo educativo per rispondere alle nuove necessità formative degli studenti. La partecipazione ai corsi e le esperienze di job shadowing consentiranno ai nostri docenti di uscire dai propri schemi attraverso il confronto con realtà diverse, facendo sì che quanto osservato e sperimentato possa poi essere riproposto, con le dovute variazioni inerenti al differente territorio, nella propria scuola e, più in generale, nel contesto provinciale e regionale. La mobilità aiuterà ad acquisire competenze trasversali riferite alla gestione degli strumenti in ottica collaborativa, alla gestione della classe e delle relazioni, al coinvolgimento dei colleghi e dell’intera comunità scolastica attraverso il confronto con le realtà europee più significative. Questa esperienza permetterà al personale del consorzio di accrescere le proprie competenze linguistiche e digitali che potranno poi essere messe a disposizione dei colleghi dei propri istituti. Le mobilità coinvolgeranno insegnanti di ogni asse culturale affinché la ricaduta possa essere la più ampia possibile. La motivazione dei docenti è fondamentale per motivare e stimolare i discenti. Per questi motivi le mobilità del progetto saranno 33, suddivise in attività di Job Shadowing (affiancamento a docenti) e corsi strutturati sull’utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica.

Tra i punti fermi, che in parte abbiamo già raggiunto ideando questo progetto grazie alla collaborazione di tre istituti, c’è quello di incrementare la collaborazione tra tutte le varie componenti della scuola (docenti, personale ATA, alunni e genitori), anche di diverse scuole per dar vita ad un cambiamento nelle nostre realtà scolastiche che possa veramente essere produttivo. 

La nostra esperienza di collaborazione tra istituti ci ha portato a credere ancora di più nell’utilità della condivisione e del fare gruppo, e forti di questo abbiamo colto l’occasione degli erasmusdays per coinvolgere più colleghi e genitori possibili, consapevoli che solo con un lavoro di squadra su tutto il territorio e in ogni istituzione sia possibile invertire la rotta della svalorizzazione scolastica.

 


THE PROJECT

The applying consortium is made up of three different schools: the high school the Itcg “G.M.
Angioy”, which is the consortium coordinator, and two members, the vocational school I.P.I.A
“E.Loi” and the “Don Milani” Middle School. They are located in the same area, that of Sulcis
Iglesiente (south Sardinia), and therefore live and experience the same peculiarities and face the
same problems. Perhaps the harsh global economic crisis has had rather tangible consequences
on our area, bringing unemployment to the highest rates ever recorded and deeply affecting the life
of our community. Our common objective is that of reducing school drop-out rates and avoiding
youth unemployment by helping pupils in gaining awareness not only as students but also as
responsible citizens who need to take an active role in social life processes. Our RAVs converge
on the extreme urgency of solving several critical issues such as school dropouts and low
motivation levels in studying but also disregard or challenging behaviour towards the school
institution and the educational process itself. In light of this condition, we have tried to find possible
solutions and realized that reshaping our learning spaces turning them into more stimulating and
motivating places, might be an effective solution and the first step towards a more meaningful
change. The project’s specific objectives are:
·Learn about the Scandinavian and English school system as it concerns effective, inclusive,
didactic methodologies, time table and learning spaces
·Gain tools and hints to create motivating, interactive and truly inclusive learning spaces able to fit
every single student’s educational needs.
·Improve students’ participation, knowledge and competences also through a learn- by-doing
approach focused especially on LAB activities. Improve their involvement in order to reduce drop
outs.
· Enhance digital skills and promote digital communication
· Improve our teachers’ English
· Perfect and spread CLIL methodology
· Keep up to date with inclusive strategies for students with special needs
· Improve cooperative skills
The project includes these main activities:
·Job shadowing: 18 teachers will be involved in a job shadowing activity in North European schools
to observe and acquire good teaching methodologies
·Attending Courses: 15 teachers will attend courses on the innovative and inclusive approaches to
teaching and on the interactive ITC based teaching (teachers will get a course certification)
Teachers who will join the mobility project are chosen from the three schools following these
criteria:
1) English level according to the CERF: teachers are selected from those who have an adequate
knowledge of the English language that will enable them to attend courses and join in with
activities.
2) Teaching skills: teachers are selected from those who practice innovative teaching
methodologies (CLIL) and already have basic skills in ITC that will allow them to attend courses
and join activities
3) Personal contribution in enhancing their school curriculum and interest in professional
development
The project develops as follows:
 
Training activities: the school will offer the teachers involved a 60 hours English refresher course
and some cross-cultural meetings regarding Scandinavian and British culture and their school
systems. During the final meeting the observation criteria our teachers need to pay attention to, will
be delivered and the relative observation form printed.
Stage 1:
·Job-shadowing: visiting Scandinavian and British schools to learn about their system and how
theydeal with learning spaces;
·Attending Courses: to improve teaching skills with innovative and more motivating methodologies.
Stage 2:
Set up a work-group that will gather the information and report back on the mobility experience to
the colleagues who didn’t take part in it. The group will share the results of the job shadowing
activities and discuss about the good didactic practices observed and the way they may be
transposed to our schools’ context.
Stage 3:
-Testing in the class the new methodologies acquired
-Monitoring of the effective improvements in schools’ educational plans.
-Sharing our experience, skills and project results outside our schools, also to raise awareness in
our area and institutions and to reinforce cooperation. In the long term, this renewal will help in
developing a more open-minded culture and in shaping a school really belonging to the
communityin which teachers can observe their colleagues’ lessons and offer mentoring activities
and in which students are truly motivated. This change process will hopefully bring our schools to
cover a trait d’union role with the territory, being a community space for students and families also
outside the morning course timetable. In this perspective, innovative lab activities will become
educational paths open to our communities and effective tools against dropping out from school and social unrest.
 

 
 
 
 

Cosa è il Progetto Erasmus